venerdì 19 luglio 2019

Recensione - "L'amore ci salverà" di Sadie Jane Baldwin per Cigno Nero Edizione

TITOLO: L'amore che ci salverà
AUTORE: Sadie Jane Baldwin
EDITORE: Cignonero
PREZZO: € 14,90
EBOOK: € 4,99


Una rapina finita male, un tentato omicidio, e la vita di Niall Spencer - ventinovenne dal passato burrascoso e dal presente torbido - subisce una rivoluzione. Dopo essere stato raggiunto da un colpo di pistola, dopo che il suo ex complice lo ha abbandonato, ferito e agonizzante sul greto di un torrente, Niall sa di non avere alcuna speranza di sopravvivere. Ma un attimo prima di perdere i sensi, ecco che una figura bionda si inginocchia accanto a lui. Forse è un angelo del paradiso.
Leila Scott non ha idea di cosa le sia preso. È appena tornata in Inghilterra per presenziare al funerale di suo padre, un uomo freddo e riservato che le ha donato lusso e ricchezza ma che non l’ha mai amata davvero, e si è già messa nei guai.
L’uomo che ha raccolto dal torrente si chiama Niall, ha l’aria di un criminale di prima categoria e lei non avrebbe mai dovuto incrociare la sua strada. Ma è ferito e ha bisogno di aiuto, e Leila non può tirarsi indietro. E non può fare a meno di accorgersi che oltre le ferite, oltre il sangue e l’espressione tormentata, Niall è bellissimo.
Leila e Niall non dovevano incontrarsi, ma il destino ha preso un’altra strada. E ora, davanti a loro, c’è un viaggio inaspettato che cambierà le loro vite, che li metterà di fronte a una consapevolezza nuova: per quanto possiamo essere forti e lottare da soli, a volte solo l’amore può salvarci.

Lasciati trasportare in un romanzo in cui tutto può succedere, un romanzo in cui chiunque può avere una seconda possibilità e cambiare la propria vita, perché se trovi qualcuno che crede in te, nulla può fermarti. 
Dall’autrice di “Le coincidenze dell’amore” e “Tutto in otto giorni”, una nuova storia, dolce e delicata come il vero amore.


LA MIA RECENSIONE

Dicono che i romance sono storiette di poco conto, che sono prevedibili, che sono tutti uguali, ma io credo che un romance è bello proprio per quello, perché ci fa vivere storie d'amore perfette che nella realtà è difficile vedere, perché c'è sempre un lieto fine, come nelle favole, un lieto fine che nella realtà non sempre arriva, quindi lasciamoci cullare da un bel romance che ci faccia sognare ad occhi aperti e ci fa vivere una fantastica storia d'amore fuori dal comune. E' ciò che mi è successo con "L'amore ci salverà", un romanzo meraviglioso che mi ha fatto sognare ad occhi aperti, facendomi vivere la bellissima storia tra Leila e Niall, due ragazzi con un passato burrascoso che cercano di dimenticare, che proprio quando iniziano ad arrendersi ad una vita senza un buon futuro entra in scena l'amore, quello vero che travolge.
Diciamo che questo romanzo l'ho divorato, mi sono sentita talmente coinvolta da non riuscire ad abbandonarlo, una storia dolce e delicata dove punto centrale è l'amore, l'amore che fa battere il cuore, quello vero, ma anche un amore che viene manifestato con prudenza per paura di rimanere feriti, la storia di Niall e Leila è stata davvero coinvolgente, loro due sono stati meravigliosi, l'autrice inoltre è stata molto brava a mettere in evidenza le loro emozioni, i loro stati d'animo, tanto da renderli reali agli occhi del lettore.
"L'amore ci salverà" è uno di quei libri che anche se vorresti gustarti lentamente non ci riesci, finisci per divorarlo talmente è intenso e coinvolgente.
Lo consiglio perché vi farà sognare ad occhi aperti, vi farà percepire  l'amore vero, un amore che guarisce da ogni ferita e porta alla rinascita.

ANNALISA 

lunedì 15 luglio 2019

Recensione - "Gli accoppiati" di Jennifer Miller e Jason Feifer per Longanesi

TITOLO: Gli accoppiati
AUTORE: Jennifer Miller e Jason Feifer
EDITORE: Longanesi
PREZZO: € 19,00
EBOOK: € 9,99

Lucas Callahan è giovane ma ha già trovato l'amore della sua vita: il giornalismo. Ciò che resta da vedere è se il suo amore è ricambiato. Ma è per inseguire questo sogno che Lucas rinuncia alla laurea in Giurisprudenza, alla promessa sposa e al futuro in una piccola cittadina, per tentare di far carriera nella Grande Mela. Riesce a ottenere un impiego alla rivista Empire, convinto che sia solo questione di tempo prima di diventare un famoso giornalista. E poi una notte incontra in un bar in centro una donna stupenda che lo invita a casa sua... Carmen Kelly avrebbe voluto essere una giornalista «seria», ma, per colpa della mentalità di «club di soli uomini» del giornalismo di Manhattan, si ritrova a ricoprire il ruolo di opinionista sessuale della rivista Empire. Nel suo ultimo articolo, Carmen racconta una notte di sesso con un bel ragazzo più giovane di lei, incontrato in un bar in centro. E, da par suo, lo fa a pezzi: inesperto, goffo, perfino imbarazzante se non decisamente ridicolo. Soltanto quando legge l'articolo Lucas capisce di essere andato a letto con la famosa Carmen Kelly, l'opinionista della stessa rivista in cui lavora. Furioso e umiliato, scrive la sua versione dei fatti firmandosi «Mister Bravo Ragazzo». E accade l'impensabile: Empire pubblica il suo articolo e il botta e risposta diventa virale. I lettori ne vogliono sapere di più. Così la rivista arriva a una decisione: ogni settimana Carmen e Lucas andranno a letto insieme... e scriveranno un resoconto delle proprie avventure sessuali. Ma i due giornalisti sono presto coinvolti in molto più di una «guerra di parole»: vengono sedotti dai ricchi e potenti della città, oltre che dalla fama, e si scoprono molto più attratti l'uno dall'altra di quanto siano disposti ad ammettere. Alla fine, si ritroveranno a dover scegliere tra ambizione, amore e le conseguenze dell'onestà più totale.

LA MIA RECENSIONE

"Gli accoppiati" è un romanzo frizzante, sexy e brillante, una storia che mi ha conquistata dalla prima pagina, portandomi nella confusionaria vita di Lucas nella magnifica New York.
Lucas è il classico bravo ragazzo e si trasferisce a New York per lavorare nella direzione della rivista più famosa della città, l'Empire, qui si trova a vivere una vita fatta di trasgressione, complotti, invidia e sesso. Una sera dopo il lavoro decide di buttarsi nella vita notturna di New York, e in un locale incontra Carmen, una donna dalla bellezza magnetica, Lucas lascia da parte la sua timidezza e si lancia nel corteggiamento, Carmen sembra attratta da Lucas e a fine serata finiscono per andare a letto insieme, ma Lucas non sa che anche la ragazza lavora per l' Empire e la sua rubrica è molto particolare, lei dopo ogni rapporto sessuale crea un articolo criticandolo e parlando della sua avventura sessuale. 
Cosa dirà Carmen di Lucas? Cosa accadrà alla sua vita tranquilla da bravo ragazzo?
Il romanzo ha completamente superato le mie aspettative, è stata una lettura frizzante, brillante e sexy, molto sexy, la cosa che mi ha colpita di più e che ho apprezzato è stata la non volgarità del romanzo nonostante il sesso sia parte principale della storia, sinceramente ho avuto il timore di trovarmi davanti il classico romanzo erotico, volgare, un genere che non mi piace, invece mi sono ricreduta, fin dalle prime pagine la storia è parsa molto fresca, per nulla volgare, ma allo stesso tempo sexy.
Mi è è piaciuta molto l'ambientazione, New York, una città meravigliosa dove accade di tutto, il romanzo parla di una New York fatta di perdizione, di ricchi rampolli che vivono nella corruzione e nel peccato, e poi c'è Lucas, un bravo ragazzo che non è abituato a tutto ciò e sopratutto non è abituato a donne che cercano di sedurlo, donne che collezionano uomini, infatti un'altra caratteristica del romanzo è che di solito in una storia ci troviamo davanti il personaggio femminile dal carattere buono, fragile, innocente, la classica brava ragazza, mentre il personaggio maschile di solito è descritto come il rubacuori, il bello impossibile, colui che colleziona donne, in "Gli accoppiati" invece i ruoli si ribaltano, Lucas è il bravo ragazzo con una sola storia seria alle spalle, inesperto di sesso, non colleziona donne, un po mi ha fatto tenerezza, infatti per tutta la lettura ho totalmente tifato per lui, e questa per me è stata una caratteristica che ha dato una marcia in più al romanzo, una storia diversa dal solito, una storia che stupisce, sopratutto il finale, e crea curiosità nel lettore pagina dopo pagina.
Un romanzo che vi consiglio assolutamente perchè è davvero uno spasso, una storia che cattura subito l'attenzione diversa dal solito, vi terrà incollati alle pagine e vi porterà nei peccati di New York.
LEGGETELO!

ANNALISA

"Il mio uragano sei tu" di Victory Storm dal 20 luglio in tutti gli store


Dal 20 luglio in tutti gli store online "Il mio uragano sei tu" di Victory Storm.
Si tratta di un young adult romance che parla di amore e di crescita. Farà parte di una serie di romanzi legati fra loro dai personaggi: "Love Storm series".

Sul blog presto troverete la recensione del romanzo. A me ispira tanto,la copertina è stupenda e poi la trama preannuncia una storia molto intensa.

TITOLO: Il mio uragano sei tu
AUTORE: Victory Storm
USCITA: 20 luglio 2019
PREZZO: 0,99 € EBOOK
PER PREORDINARE IL ROMANZO: AMAZON

LUCAS. Quattro anni fa Kira se n’è andata, lasciandomi solo nel momento peggiore della mia vita. Non la perdonerò mai per questo. Ora è tornata e tutto l’odio che sento dentro di me, riesce a tenermi alla larga da lei. Eppure, ogni volta che mi guarda, mi sento confuso, perso e spaventato, ma non devo dimenticare chi sono: io sono solo merce avariata e nessuno amerebbe mai uno come me.
KIRA. Dopo quattro anni di lontananza e di disperazione per quel distacco obbligato, finalmente sono tornata da Lucas. Ma ora le cose sono cambiate e io mi ritrovo vittima della sua prepotenza. Chi è quel ragazzo che conosce solo la violenza e che usa le ragazze soltanto per portarsele a letto? Non so cosa sia successo ma farò il possibile per cancellare quell’odio che leggo in fondo al suo sguardo e che lo tiene lontano da me.

martedì 9 luglio 2019

Recensione - "L'ombra di Caterina" di Marina Marazza per Solferino Editore


L'OMBRA DI CATERINA
DI
MARINA MARAZZA
SOLFERINO LIBRI
429 PAG.
€ 19,00 CARTACEO
€ 9,99 EBOOK

«Oggi è festa. Nella chiesetta del borgo battezzano il mio bambino. Io non ci potrò essere, ufficialmente: devo stare nascosta.» Comincia così il racconto di una donna che la Storia ha a lungo dimenticato: Caterina, la madre di Leonardo da Vinci. Giovane popolana, sedotta dal notaio ser Pietro da Vinci, Caterina rimane incinta di un figlio che non potrà allevare: lo allatta, ma le viene tolto dalle braccia per essere cresciuto nella casa paterna. Il suo bellissimo bambino potrà godere di molti più agi, certo, ma rimarrà sempre un bastardo: non erediterà né titoli né proprietà e dovrà vivere solo del suo ingegno. Anche la vita di Caterina non sarà facile: l'accusa di stregoneria, il matrimonio con un ex soldato di ventura, cinque figli da crescere, e sempre il rimpianto per quel primogenito perduto che può vedere solo da lontano. Leonardo si trasferisce a Firenze, entra nella bottega del Verrocchio, manifesta ingegno e talento al di là di ogni previsione, ma si trova macchiato da un'accusa di sodomia. Meglio partire per una città più grande, più libera, piena di opportunità, la Milano degli Sforza. Madre e figlio sono destinati a non rivedersi mai più? O Caterina potrà riunirsi a Leonardo, coronando il sogno di stargli vicino, che ha dato luce e senso alla sua intera vita?

LA MIA RECENSIONE

Si sa quasi tutto di Leonardo da Vinci, ma quasi nulla di sua madre Caterina, e questo romanzo mi ha incuriosito tanto proprio per questo, mi ha fatto venir voglia di conoscere una figura di cui non si parla tanto, della famiglia di Leonardo, infatti, nei romanzi ci sono solo accenni ma nulla di approfondito (mi riferisco a libri che ho letto, magari in altri c'è molto di più) e "L'ombra di Caterina" è uno di quei libri che analizzano in maniera approfondita tale figura femminile.
"L'ombra di Caterina" è un romanzo storico che ripercorre tutta la vita di Caterina, madre di Leonardo da Vinci, partendo da quando lei è solo una bambina fino alla sua morte, il romanzo parla anche di Leonardo ma si tratta solo di accenni, in fondo lo scopo dell'autrice è quello di analizzare la figura di Caterina e la sua vita, e ci è riuscita molto bene, sotto forma di romanzo ci presenta una storia davvero bella che mi ha incuriosita e tenuta incollata alle pagine.
Caterina vive in un periodo storico in cui la figura della donna non ha alcuna importanza, le donne infatti sono solo un mezzo per fare figli, sopratutto figli maschi, e nel momento in cui nasce una femmina si tende a dare la colpa alla donna, Caterina è una donna molto emancipata per l'epoca in cui vive, ma le tradizioni, le regole che una donna è obbligata a rispettare le pongono un grande limite e con il passare del tempo è quasi costretta ad accettare tutto ciò conformandosi alle idee di quel periodo, sono sicura che se Caterina fosse nata in un'epoca con idee più moderne sarebbe stata una grande donna, ma per fortuna il romanzo raccontandoci di Caterina in maniera molto approfondita, analizzando il suo carattere, è stato in grado di farmi amare questa donna, considerandola molto più di ciò che era considerata all'epoca.
Il romanzo è scritto in maniera molto scorrevole, si legge facilmente e sopratutto non annoia perché l'autrice analizza un personaggio storico sotto forma di romanzo e non di biografia, che di solito è sempre noiosa e pesante, ed è proprio questo che ha reso il romanzo unico e molto interessante, sembrava di leggere un semplice romanzo storico con protagonista una donna meravigliosa, mi è piaciuto anche lo stile con cui l'autrice ha scritto la storia, sembra un classico, tra lo stile, l'epoca di ambientazione, i dialoghi tra i personaggi, l'atmosfera che si crea...tutto magnifico.
Lo consiglio a chiunque perché oltre ad essere un romanzo molto interessante che ci fa conoscere la donna che ha dato alla luce il genio di Leonardo da Vinci, vi troverete davanti una storia bellissima che parla di un'epoca dove tutto è peccato, dove le donne sono oggetti, una storia che vi conquisterà fin da subito e poi le vicende che hanno come protagonista Caterina vi affascineranno, ogni capitolo è ricco di eventi che rendono la lettura interessante dall'inizio alla fine.

ANNALISA

martedì 2 luglio 2019

Recensione - "Tra di noi una vita intera" di Melanie Levensohn per Corbaccio Editore


TITOLO: Tra di noi una vita intera
AUTORE: Melanie Levensohn
EDITORE: Corbaccio
USCITA: 6 Giugno 2019
PREZZO: € 18,90
EBOOK: € 9,99

Parigi, 1940. Judith, giovane studentessa ebrea, è minacciata dall’occupazione nazista ed è ormai costretta a vivere in clandestinità. Insieme al fidanzato Christian, figlio di un ricco banchiere, progetta una fuga in Svizzera ma, a poche ore dalla partenza, il suo nascondiglio viene scoperto e lei deportata. Da allora non si sa più nulla di lei.
Montreal, 1982. Jacobina non ha mai avuto un buon rapporto con il padre e sono decenni che vive a Washington, ma adesso il padre è in punto di morte e le ha chiesto di andare al suo capezzale per farsi fare una promessa solenne: Jacobina deve impegnarsi a cercare Judith, una sorellastra di cui lei ignorava l’esistenza e che il padre ha visto per l’ultima volta a Parigi prima della guerra e prima di abbandonare la Francia per rifarsi una vita in Romania.
Washington, 2006. Béatrice, parigina, lavora alla Banca Mondiale e si è trasferita da poco negli Stati Uniti. Nonostante il lavoro massacrante, Béatrice opera anche come volontaria in un centro di assistenza. Le viene affidata una signora anziana, Jacobina, che vive da sola e che non sembra provare alcuna simpatia per chi la assiste: ma quando scopre di avere di fronte una ragazza francese decide di mantenere finalmente la promessa fatta al padre e le chiede di aiutarla a trovare notizie della sorella mai conosciuta. La storia narrata da Jacobina spinge Béatrice ad avviare una ricerca attraverso i decenni e i continenti, una ricerca che la porterà a scoprire una verità che la coinvolge ben più di quanto non pensi.

LA MIA RECENSIONE

"Tra di noi una vita intera" è la storia di tre donne vissute in epoche diverse, Jacobina, Béatrice e Judith, legate da una promessa, una promessa che Jacobina fa a suo padre, cioè quella di ritrovare Judith, la sua sorellastra vissuta durante il periodo fascista a Parigi. Dopo tanti anni Jacobina non ha ancora avuto il coraggio di mettersi sulle tracce della sorella, fin quando nella sua vita entra Béatrice, una donna d'affari che nel tempo libero fa volontariato, lei è di Parigi, e chi meglio di Béatrice può mettersi sulle tracce di Judith?
Un romanzo bellissimo che mi ha regalato tante emozioni e mi ha fatto vivere storie meravigliose, le storie di tre donne legate da una promessa, ho amato la storia di Judith, una ragazza ebrea che nella Parigi del 1940 si trova a subire il dolore provocato dai Tedeschi, ma nonostante la violenza, la fame, la povertà nella sua vita arriva l'amore, un ragazzo Francese, e sarà proprio quello a regalargli attimi di felicità in tanto dolore, una storia d'amore che mi ha fatto sognare, Judith è anche il cuore del romanzo, infatti le vite di Jacobina e Béatrice saranno influenzate da Judith e dalla sua ricerca.
Il romanzo è bellissimo, pieno di eventi che si susseguono capitolo dopo capitolo, incuriosendo il lettore, nulla è scontato, anzi, è stato tutta una sorpresa, sopratutto la fine, un finale davvero inaspettato che mi ha lasciata senza parole, le vicende che vedono protagoniste le tre donne sono talmente fitte di eventi che i capitoli vengono divorati perdendo la cognizione del tempo, ed è da considerare che i capitoli sono abbastanza lunghi. 
Scrittura molto scorrevole, che non annoia, l'autrice ha scritto tutto in maniera impeccabile descrivendo luoghi, personaggi in maniera da renderli veri agli occhi del lettore, malgrado una parte del romanzo è ambientata in un periodo storico, il romanzo non è pesante, infatti l'autrice si è basata esclusivamente sulla storia di Judith senza appesantire le pagine con descrizioni storiche del periodo che a mio parere rendono la lettura molto pesante, lenta, ma allo stesso tempo attraverso le vicende che coinvolgono la protagonista si fa un quadro molto chiaro del periodo fascista.
Un libro che consiglio di leggere perché oltre ad essere molto emozionante, è anche pieno di eventi che lo rendono interessante e quindi impossibile staccarsi dalle pagine, pensate che l'ho letto in quattro giorni, la storia di queste tre donne mi ha conquistata dall'inizio alla fine, sono stata rapita dalla storia sopratutto da quella di Judith.
CONSIGLIATO!

ANNALISA

giovedì 27 giugno 2019

Recensione - "Tre Serbi, due Musulmani, un lupo" di Luca Leone-Daniele Zanon per Infinito Editore

TITOLO: Tre Serbi, due Musulmani, un lupo
AUTORE: Luca Leone e Daniele Zanon
EDITORE: Infinito
PREZZO: € 15,00
EBOOK: € 4,89
AMAZON

A Prijedor, in Bosnia Erzegovina, in quella che oggi si chiama Repubblica serba di Bosnia (Rs), nella primavera-estate del 1992 succedono cose spaventose. Sembra d'essere tornati ai tempi del nazismo. Gli ultranazionalisti serbo-bosniaci vogliono sradicare i "non serbi" attraverso due strumenti: deportazione e omicidio. Vengono creati per quest'ultimo scopo tre campi di concentramento. Che ben presto diventano luoghi di uccisione di massa. Nomi tremendi: Omarska. Keraterm. Trnopolje. In quest'ultimo luogo - composto da una scuola, una casa del popolo e un prato - vengono recluse tra le quattromila e le settemila persone. È a Trnopolje, nel maggio del 1992, che è ambientata la storia raccontata da questo libro. Una storia di fantasia, ma poggiata su solide basi storiche e di testimonianza. Un libro che non è solo un romanzo ma anche un reportage di quanto accaduto troppi pochi anni fa e troppo vicino a noi, per non sapere. 

LA MIA RECENSIONE

"Tre Serbi, due Musulmani, un lupo" è un romanzo che tutti dovrebbero leggere, un romanzo storico, ambientato in Bosnia nel 1992, quando si diede il via alla pulizia razziale, rinchiudendo i Musulmani della Bosnia in campi molto simili a quelli in cui vennero rinchiusi gli ebrei, sottoponendoli a torture, stupri, uccisioni ed altre atrocità.
La storia parla di cinque ragazzi, tre serbi e due musulmani, amici per la pelle, e poi c'è Vuk il lupo, amico e protettore del gruppo di ragazzi, questi iniziano a vivere un cupo periodo, ma la guerra e le distinzioni razziali non incutono nessuna paura, anzi, si mettono in gioco rischiando di brutto.
Inizialmente trattandosi di un romanzo storico ho avuto il timore di immergermi in una lettura noiosa e pesante, ma ho dovuto ricredermi subito dopo aver letto il primo capitolo, mi sono trovata davanti una storia ambientata in un periodo storico particolare descritta in maniera semplice, scorrevole, interessante, ogni capitolo mi ha invogliata sempre di più a proseguire, una storia molto costruttiva che ci fa conoscere eventi diabolici, e ad essere sincera ero completamente digiuna di questa parte di storia, molto simile a ciò che si verificò durante il periodo Nazista-Fascista, tantissimi musulmani della Bosnia catturati dai militari serbi e rinchiusi in campi recintati, uccisi senza motivo, le donne stuprate con lo scopo di purificarle facendogli partorire figli concepiti dai serbi che le hanno violentate, atrocità che non è possibile immaginare.
Ho adorato i cinque ragazzi protagonisti del romanzo, cinque tredicenni, che affrontano un periodo cupo con  semplicità e innocenza, si mettono in gioco andando contro tutti e tutto come se fosse tutto un gioco, ed è proprio questo che ha attirato la mia attenzione, che ha reso la storia non pesante e molto interessante, ci sono stati anche attimi di ironia che hanno smorzato la tristezza degli eventi, e mi è piaciuto molto.
Un libro che consiglio di leggere perché merita davvero tanto, è costruttivo, interessante, vi farà vivere un periodo oscuro in compagnia di personaggi speciali che vi regaleranno anche un sorriso oltre ad una grande avventura.

ANNALISA 

sabato 22 giugno 2019

Recensione - "Legati da un insolito destino" di Patrisha Mar

TITOLO: Legati da un insolito destino
AUTORE: Patrisha Mar
EDITORE: Newton Compton
PREZZO EBOOK: € 1,99


Sono passati quindici anni da quando Cabe si è trasferito a New York senza farsi più sentire e Reesa, la sua inseparabile amica d’infanzia, non l’ha mai dimenticato.

Nonostante il dolore e la rabbia per non essere più riuscita a mettersi in contatto con lui, infatti, il ricordo di Cabe riesce ancora a farle battere il cuore. 
La sua vita a Nunchuck, una piccola cittadina dell’Alaska, continua a scorrere nella sua ordinaria quotidianità, ma tutto è destinato a cambiare. Il padre di Cabe, infatti, muore in circostanze misteriose. 
Reesa non sa cosa pensare, anche perché la tragedia porterà sicuramente Cabe di nuovo in città dopo molto tempo. Riuscirà a dimenticare il rancore che prova per lui per stargli vicino in un momento simile?

Ma con l’assassino ancora a piede libero, Reese potrebbe rischiare la vita, oltre che un cuore spezzato. E questa volta, fidarsi di Cabe potrebbe essere la sua unica speranza di salvezza.

LA MIA RECENSIONE

Pochi giorni fa è uscito il nuovo romanzo di Patrisha Mar edito Newton Compton "Legati da un insolito destino", non ho potuto non leggerlo, dato che per me i romanzi della Mar sono una garanzia, le sue storie sono dolci, delicate e fanno battere il cuore.
"Legati da un insolito destino" non è da meno, ma c'è un qualcosa in più che lo differenzia dagli altri, si tratta di un romance legato al paranormal, direi che questo elemento è un qualcosa di nuovo da trovare nei romanzi di Patrisha Mar e mi ha lasciata sorpresa, non mi aspettavo nulla del genere e ad essere sincera non mi è dispiaciuto affatto, la lettura è stata più interessante e coinvolgente con quel pizzico di fantasia e surreale, anche perché l'autrice non si è allontanata dal genere romance nel quale è bravissima, infatti la storia d'amore tra i protagonisti è al centro di tutto, solo che vengono aggiunti elementi fantastici, surreali che per me hanno reso tutto più particolare ed interessante.
Il romanzo mi è piaciuto fin da subito, catturando all'istante la mia attenzione, ogni capitolo mi ha spinto a proseguire la lettura perché di fatti interessanti ce ne sono davvero tanti, sopratutto da metà libro, ciò che accade è sempre più interessante stimolando la curiosità del lettore, infatti ho letto il libro in pochi giorni, non ho resistito nello scoprire il finale.
La storia d'amore tra Cabe e Reesa è stata bellissima, dolce, delicata, come in una favola, e poi c'è stato il lato paranormale del romanzo che mi ha incuriosita molto, si nota la semplicità con cui gli eventi paranormali sono descritti, si svolgono, anche perché è il primo romanzo che l'autrice scrive in questo modo, ma io l' ho apprezzato in quanto ha reso tutto più coinvolgente e poi il fatto che l'autrice abbia osato, uscendo fuori dagli schemi me lo ha fatto apprezzare ancora di più...complimenti! Mi sono trovata davanti  un romance diverso dal solito, dove c'è amore,  tanto mistero, e qualche colpo di scena.
La mia valutazione è positiva quindi lettori a cosa aspettate? Leggetelo.

ANNALISA

giovedì 20 giugno 2019

Segnalazione - LA RAGAZZA ARRABBIATA - Elisabetta Capecci - Queen Edizioni

Buongiorno cari lettori, oggi vi segnalo un bellissimo romanzo dalla trama frizzante e scorrevole, ideale da leggere in vacanza dal titolo LA RAGAZZA ARRABBIATA.
La Ragazza Arrabbiata , è un romanzo che è stato scritto per la prima volta mentre l'autrice frequentava il quarto superiore ed era in piena adolescenza. E' una storia di formazione e cambiamento, che vuole rappresentare un percorso per l'accettazione di sé e di come affrontando le proprie paure si riescono a realizzare i propri sogni.  









TITOLO: LA RAGAZZA ARRABBIATA
AUTORE: Elisabetta Capecci
EDITORE: Queen Edizioni
PREZZO CARTACEO: € 8.35
PREZZO EBOOK: € 0.99




Sara è una persona frustrata che gode a veder fallire gli altri perchè la sua vita è terribilmente squallida e, anche se si odia per ciò che è diventata non riesce a cambiare. E' quando pensa di non poter finire più in basso di così che molla tutto e scappa da Federico, il ragazzo di cui le basta vedere il sorriso, abbagliante come il sole d'estate, per sentirsi meglio. 
Riuscirà a conquistarlo ma soprattutto...ritroverà se stessa?

Buona lettura da Stefy






mercoledì 19 giugno 2019

Novità - "L'essenza della medusa" di G.R. Nordani

Ciao lettori carissimi vorrei segnalarvi una bellissima novità, un romanzo che mi ha incuriosita molto, un romanzo che a mio parere deve essere molto particolare, partendo dal titolo e finire poi alla trama, uno di quelli pieni di insegnamento che restano nel cuore del lettore, "L'essenza della medusa" di G.R. Nordani, due giovani autori emergenti.
E' sempre bello dare spazio a nuovi scrittori, e conoscere le loro opere, ho letto vari romanzi di autori emergenti e molti mi sono rimasti nel cuore, quindi perché non dare la possibilità di far conoscere i loro libri ai lettori? 
"L'essenza della medusa" è uno di questi romanzi che vorrei proporvi. Per ora eccovi alcune informazioni.

TITOLO: L'essenza della medusa
AUTORE: G.R. Nordani
EDITORE: Albatros il filo
USCITA: Giugno 2019
PREZZO: € 12,50
PER PRE-ORDINARE IL LIBRO ANDATE SU AMAZON

In "L'essenza della Medusa" ritroviamo l'abilità del saper raccontare e confondere allo stesso tempo: Darius Marcus, follemente geniale ma ammalato per la troppa responsabilità di aver ricreato se stesso; Jasmine in preda alla sua malata coscienza; Alex e la sua vita apparentemente normale; Cosimo che riesce a invertire la propria esistenza. "Nordani è la gente che pensa, cresce e impara a convivere con se stessa e con il mondo. Come la cruda verità rischia di essere mutevole, anche voi sappiate che non potete essere sempre gli stessi".

“L’essenza della Medusa”, nasce dall’unione delle menti dei loro ideatori, Giacomo Cimino e Renato De Capua, i quali, scrivendo sotto lo pseudonimo G.R. NORDANI, presentano il loro esordio letterario nel mondo della scrittura. Il libro ha una struttura chiara: al prologo seguono quattro storie e un epilogo e detto così, il tutto potrebbe apparire estremamente semplice. Ma se così può sembrare di primo acchito, nel libro vengono narrati quattro racconti, quattro, quanto le vite dei protagonisti che, a causa di eventi paradossali e vicende intricate, si ritrovano a dover fare i conti con se stessi, provando esperienza di cose delle quali nemmeno avrebbero immaginata l’esistenza. Darius, Jasmine, Alex e Cosimo, sono quattro uomini comuni che, tutto sommato, avrebbero una vita normale, delle esistenze ordinarie. C’è chi ama la scienza, chi ama la scrittura, chi vorrebbe rendere questo mondo un posto migliore e chi sarebbe estremamente felice di poter guardare un bel film seduto sul divano in compagnia della propria famiglia. Ma così non sarà, in quanto le vite di queste persone, saranno sconvolte dal caso e dai fantasmi della mente che ognuno serba dentro se stesso. Come avete avuto di capire, G. R., indicano le iniziali dei nomi dei due autori, i quali, hanno pensato di fondere la propria maniera di concepire il mondo, e quindi di “fare letteratura”, mediante la creazione di NORDANI, il quale, oltre che ad essere un espediente, nonchè una creatura letteraria, è dotato di un proprio spessore psicologico che si dipana attraverso le pagine del libro. Chi è dunque G.R. NORDANI? Egli stesso si descrive in due parti significative dell’opera, che danno al lettore le chiavi di lettura giuste per un’interpretazione delle trame e delle scelte stilistiche, che non trascuri nessun dettaglio. Nel prologo, infatti, possiamo leggere: “Non so se avremo mai modo di conoscerci, se un giorno ci incontreremo e potremo parlare. Ma non perdere tempo, non desiderarlo. Non cercarmi. Io sono qui, tra queste pagine, tra queste righe e questi segni che con tanta passione, puoi vedere. E se mi vorrai incontrare, non dovrai far altro che leggermi tra queste parole e tra i volti della gente che sussurrano, mutano, parlano con parole inudibili, la retorica del Silenzio.” Nordani qui si autodefinisce un uomo della folla, una parte del tutto, un uomo che percorrre ininterrotamente le strade del mondo e che riesce a individuare negli occhi di chi lo guarda le affollate solitudini che albergano nel cuore di ognuno. Nell’epilogo, in maniera più esplicita rispetto alla parte citata e tratta dal prologo, si può leggere: “Nordani è la gente che pensa, cresce e impara a convivere con se stessa e con il mondo. Come la cruda verità rischia di essere mutevole, anche voi sappiate che non potete essere sempre gli stessi. Tutto muta, cresce e si evolve, voi compresi, indipendentemente dalla vostra volontà. Credete di avere piena consapevolezza di voi stessi? Di sapere come va il mondo? Pensate di essere al di sopra di quello che avete appena letto?” Notiamo subito una certa autoreferenzialità del personaggio e un forte spirito combattivo che animano le sue argomentazioni, lanciando al lettore una sfida che non porti a un’astiosa contesa con i propri simili, ma alla misurazione della propria valenza con se stessi. Nordani parla, fa tante domande; risponde a volte in manie
ra esauriente, altre in parte, lasciando sempre aperti gli spiragli del cambiamento e della labilità, perchè tutto cambia, anche mentre stai leggendo queste righe, e il confine tra te stesso e la tua antitesi, è davvero molto labile.

martedì 18 giugno 2019

Novità imperdibile - Da oggi in libreria- Legati da un insolito destino di Patrisha Mar

Ciao a tutti lettori carissimi, esce oggi 18 giugno, il nuovo e bellissimo romanzo di Patrisha Mar edito Newton Compton, mi sono imbattuta in questo romanzo per caso, leggendo la Newsletter della Newton Compton, attratta dalla copertina e dal titolo mi fiondo subito a leggere la trama, ed è amore, solo alla fine, (e mi scuso con l'autrice), leggo il nome dell'autrice in copertina, ho già letto alcuni suoi romanzi e mi sono piaciuti tanto, quindi credo che anche questo suo nuovo capolavoro sarà una garanzia. 
Presto la recensione sul blog. Per ora eccovi alcune informazioni sul romanzo.


TITOLO: Legati da un insolito destino
AUTORE: Patrisha Mar
EDITORE: Newton Compton
PREZZO EBOOK: € 1,99


Sono passati quindici anni da quando Cabe si è trasferito a New York senza farsi più sentire e Reesa, la sua inseparabile amica d’infanzia, non l’ha mai dimenticato.

Nonostante il dolore e la rabbia per non essere più riuscita a mettersi in contatto con lui, infatti, il ricordo di Cabe riesce ancora a farle battere il cuore. 
La sua vita a Nunchuck, una piccola cittadina dell’Alaska, continua a scorrere nella sua ordinaria quotidianità, ma tutto è destinato a cambiare. Il padre di Cabe, infatti, muore in circostanze misteriose. 
Reesa non sa cosa pensare, anche perché la tragedia porterà sicuramente Cabe di nuovo in città dopo molto tempo. Riuscirà a dimenticare il rancore che prova per lui per stargli vicino in un momento simile?
Ma con l’assassino ancora a piede libero, Reese potrebbe rischiare la vita, oltre che un cuore spezzato. E questa volta, fidarsi di Cabe potrebbe essere la sua unica speranza di salvezza.



I ROMANZI DI PATRISHA MAR

1. La mia eccezione sei tu
2. Ti ho incontrato quasi per caso
3. Apri i tuoi occhi
4. Il tempo delle seconde possibilità
5. La poesia dell'anima
6. Quando l'amore fa volare
7. Legati da un insolito destino

lunedì 10 giugno 2019

Recensione - "Dieci brutali delitti" di Michelle Mcnamara

TITOLO: Dieci brutali delitti
AUTORE: Michelle Mcnamara
EDITORE: Newton Compton
GENERE: Thriller
PREZZO: € 10,00
EBOOK: € 4,99

Per oltre dieci anni, un uomo ha compiuto più di cinquanta aggressioni nel nord della California. Successivamente, spostandosi verso sud, ha lasciato dietro di sé una scia di sangue: dieci omicidi brutali. Nessuno è riuscito a catturarlo, è scomparso nel nulla sottraendosi alle massicce operazioni di polizia in tutta la zona. Trent'anni dopo, Michelle McNamara, una giornalista, ha deciso di indagare per trovare lo psicopatico che lei stessa ha soprannominato il "Golden State Killer", termine poi adottato anche dalle autorità. Questo libro, pubblicato dopo la sua morte, è una straordinaria testimonianza del lavoro che ha compiuto e offre una prospettiva lucidissima sull'America, attraverso il racconto di tutto l'orrore che una singola mente criminale è stata capace di generare. A emergere è anche il ritratto di una donna e della sua instancabile ricerca della verità. Salutato come un classico moderno del giornalismo d'inchiesta, ha contribuito alla realizzazione del sogno della sua autrice: smascherare il Golden State Killer.

LA MIA RECENSIONE

"Dieci brutali delitti" è la vera storia di un serial killer che negli Stati Uniti, tra gli anni 70-80, nel nord della California ha provocato panico e terrore, stupri, omicidi, tutto compiuto senza lasciare tracce ben precise e utili per poterlo incastrare.
Il romanzo è stato scritto da Michelle McNamara, giornalista appassionata di crimini irrisolti, lei è stata ossessionata da questo caso, passando il suo tempo a studiare, ad ascoltare persone, a cercare tracce importanti per poter finalmente scoprire il volto del famoso serial killer, e l'unione di tutte le informazioni e documenti in suo possesso hanno dato alla luce questo bellissimo thriller.
Di solito leggo poco il genere thriller, ma questo mi ha incuriosita moltissimo spingendomi nella lettura, e infatti non me ne sono pentita, è stata una lettura molto intensa, dopo aver letto i primi capitoli sono stata travolta dall'ansia, immaginate un serial killer che di notte si introduce in casa vostra illuminandovi con una torcia, non avete via di scampo, un po inquietante.
Tutto viene descritto nei minimi particolari, dal modo di agire del serial killer, allo svolgimento delle indagini, e ciò coinvolge molto, per me è stato impossibile staccarmi dalle pagine, ogni capitolo ha creato fascino e voglia di continuare la lettura fino alla fine per scoprire cosa succederà, verrà catturato? Resterà un caso irrisolto?
La lettura di questo romanzo è abbastanza impegnativa, trattandosi di eventi realmente accaduti bisogna leggere tutto con attenzione sopratutto perché ci sono descrizioni tecniche sulle indagini svolte, sullo studio del DNA e la banca dati dove ogni criminale è registrato, alcuni capitoli infatti sono stati un po lenti e anche dispersivi, infatti per spiegare un evento, in alcune parti, l'autrice inizia  la narrazione partendo da eventi ancora più passati, ma ciò è stato importante per poi collegare il tutto ed arrivare ad una conclusione, anche se può sembrare scocciante.
Nonostante la lentezza di alcune parti e le descrizioni alquanto tecniche di alcune questioni (infatti più che un romanzo è una sorta di saggio), il romanzo mi è piaciuto molto, mi ha appassionata e il coinvolgimento nel pieno della storia è stato un qualcosa di sorprendente, quindi ve lo consiglio ma mettendovi al corrente che bisogna leggerlo con attenzione e se vi trovate davanti capitoli dispersivi e lenti alla fine vi accorgerete che servono tanto per poter comprendere tutte le dinamiche della storia, una storia che vi terrà con il fiato sospeso, un tantino inquietante anche perché si tratta di una storia vera, quindi il fattore ansia sarà maggiore.
BUONA LETTURA

ANNALISA

giovedì 6 giugno 2019

Recensione - "La cacciatrice di storie perdute" di Sejal Badani per Newton Compton

LA CACCIATRICE DI STORIE PERDUTE
DI
SEJAL BADANI
IN USCITA IL 6 GIUGNO 2019
PER
NEWTON COMPTON EDITORI
€ 9,90 CARTACEO-€ 2,99 EBOOK

Jaya ha il cuore spezzato. Ha tentato a lungo di avere un bambino, ma dopo la terza gravidanza interrotta le speranze vacillano. Anche il suo matrimonio comincia a sfaldarsi e così, nel disperato tentativo di ritrovare se stessa, decide di allontanarsi da New York per riscoprire le sue origini indiane. Non appena arriva in India, Jaya viene immediatamente sopraffatta dai colori, dai profumi e dai suoni di quel Paese. Ogni cosa ha un fascino esotico, per lei, e ben presto il desiderio di riavvicinarsi alla cultura della sua famiglia prende il sopravvento. Ma ci sono eventi del passato, a lungo taciuti, che hanno il potere di influire sulle generazioni a venire. E così Jaya viene a conoscenza della storia di sua nonna e di un amore segreto che è destinato a cambiare per sempre la sua vita. Solo dopo aver conosciuto il coraggio e l'indomabile spirito combattivo che ha caratterizzato le donne della sua famiglia, infatti, Jaya scoprirà di avere dentro di sé una forza che non avrebbe mai immaginato di possedere.

LA MIA RECENSIONE

Esce oggi in tutte le librerie "La cacciatrice di storie perdute" di Sejal Badani, e ringrazio la Newton per avermi dato la possibilità di leggerlo in anteprima.
Ciò che mi ha spinto a voler leggere questo romanzo è stata, a parte la copertina che è stupenda, la trama, amo le storie ambientate in paesi lontani come l'India, paesi pieni di tradizioni, di leggende, paesi che suscitano curiosità e affascinano, infatti come al solito il mio istinto non mi ha tradita.
Ho amato "la cacciatrice di storie perdute" dalla prima all'ultima pagina, è stata una di quelle letture che catturano e ti immergono in un mondo nuovo, coinvolgendoti al punto tale da sentirti parte della storia e di non volerne più uscire.
E' la storia di tre donne Indiane, tre generazioni, tre storie diverse ma allo stesso tempo collegate tra loro, Jaya è nata negli Stati Uniti da genitori indiani, lei sta vivendo un periodo cupo dopo vari aborti, in più a tale dolore si aggiunge il suo strano rapporto con la madre, una madre che ha sempre avuto un comportamento distaccato da quando Jaya era bambina, ma un giorno giunge una lettera dall'india e Jaya con una voglia matta di allontanarsi da tutti e da tutto decide di intraprendere questo viaggio.
In India incontrerà Ravi, da sempre al servizio della sua famiglia in India, il quale inizierà a raccontargli una storia fatta di emozioni, segreti, dolore e tanto amore...la storia di sua nonna e di sua madre, una storia che farà luce su tante questioni riguardanti sopratutto sua madre.
"La cacciatrice di storie perdute" è un romanzo spettacolare, dove le emozioni sono molto intense, sono stata conquistata pagina dopo pagina dalla storia di queste tre donne con una grande forza, tre donne che combattono battaglie molto dure, che lottano per un futuro e sopratutto per conoscere loro stesse.
Il romanzo si divide in presente e passato, il presente di Jaya e il passato di sua nonna e sua madre, sono rimasta catturata dalla storia della nonna di Jaya, ambientata negli anni 30 nell'India dominata dagli Inglesi, l'autrice del romanzo è stata bravissima nella descrizione dei luoghi mettendo in evidenza la quotidianità del popolo Indiano e i colori che da sempre hanno dominato questo paese, durante la lettura mi è venuta una grande voglia di trovarmi li e grazie alle descrizioni cosi dettagliate e curate nei particolari tutto è sembrato reale, anche i personaggi sono descritti in maniera molto accurata, i loro sentimenti, i loro stati d'animo sono stati in grado di provocarmi forte emozioni e andando verso la fine queste emozioni sono diventate sempre più forti.
E' uno di quei romanzi con il quale si crea un forte legame.
Ve lo consiglio? Assolutamente si, non potete non leggerlo, vi troverete a vivere una storia fatta di emozioni, tradizioni, colori, e vi commuoverete davvero tanto.

ANNALISA

lunedì 3 giugno 2019

Recensione in anteprima - "Viola di notte" di Ilaria Bianchi per Bookabook


TITOLO: Viola di notte
AUTORE: Ilaria Bianchi
EDITORE: Bookabook
PREZZO: € 14,00
EBOOK: € 6,99
USCITA: Dicembre 2019
PER PRE-ORDINARE IL ROMANZO: BOOKABOOK

SINOSSI
Due ragazzi. Un Luna Park. Un diario. Un amore capace di nascere solo con l’immaginazione.
Viola si sente diversa, i suoi occhi sono malati, la possibile perdita della vista la rende attenta a tutto quello che la circonda. È una solitudine vera la sua, così profonda da spingerla a scrivere i suoi pensieri dentro un diario per poi lasciarli in balia del destino sulla ruota panoramica di un Luna Park l’ultimo giorno d’estate.
Mattia ha una vita perfetta ma la morte improvvisa di Matteo, suo fratello gemello, apre una voragine nella sua ostentata calma, nel suo maniacale controllo.
È in una notte tra tante che salendo sulla ruota panoramica di un Luna Park trova un diario. “Viola di notte” c’è scritto sulla prima pagina. Leggendolo Mattia inizierà il suo primo viaggio dentro se stesso. Un viaggio intenso, sincero, tanto profondo da fargli scoprire che le cose importanti non vanno cercate lontano perché spesso sono proprio lì, a portata di mano.

Viola di notte è un percorso dentro le più intime riflessioni, dentro le debolezze e le paure che almeno una volta nella vita ognuno di noi deve aver vissuto. È un viaggio dentro un amore diverso dagli altri, un amore che non si dimentica, un amore in cui essere quello che si è diventa l’unica regola da seguire per non sbagliare mai.

Il romanzo è in uscita a dicembre 2019 ma è in fase di crowdfunding, il libro è infatti ancora inedito e verrà pubblicato soltanto se la campagna raggiungerà il goal. Viola di notte ha già raggiunto l'obiettivo delle 200 copie, che ne garantisce pubblicazione e distribuzione, ma io credo che un romanzo del genere merita andare oltre le 200 copie vendute, quindi voglio dare il mio sostegno dandovi qualche informazione su "Viola di notte", se andate sul sito della Casa Editrice Bookabook potete preordinare la vostra copia.
Ora eccovi la mia recensione in anteprima.

LA MIA RECENSIONE

Viola è una ragazza che ama scrivere i suoi pensieri personali su un diario, sopratutto da quando una grave malattia agli occhi l'ha colpita facendogli vedere il mondo in maniera diversa, lei usa il diario come sfogo, ma una sera decide di recarsi al luna-park e di lasciare il suo diario "Viola di notte" sulla ruota panoramica, con lo scopo che qualcuno possa trovarlo e possa leggere la sua vita scritta tra quelle pagine. Il diario viene trovato da Mattia, un ragazzo che dopo un lutto in famiglia inizia a vivere una vita tormentata...il diario di Viola gli sarà molo utile.

"Viola di notte" è un romanzo spettacolare, un romanzo molto particolare, diverso dal solito, consiste in un dialogo tra Mattia e Viola ma attraverso le pagine del suo diario e leggere i loro pensieri, gli stati d'animo attraverso non il loro incontro ma attraverso la scrittura è stato molto emozionante, è stato come leggere le parole di un'amica, Viola, le sue confessioni, ma sopratutto i suoi insegnamenti di vita. 
Il personaggio di Mattia è molto forte, dopo la morte di suo fratello la sua vita subisce una scossa, inizia a rivalutare tutti i suoi comportamenti, le sue abitudini, dentro di lui nasce il caos, è sempre stato un ragazzo perfetto, sempre tutto in ordine, mai nulla fuori posto, sempre dentro le righe, il fratello l'opposto, ma dopo il triste evento si pone una domanda "E se uscissi fuori dalle righe?". Questa è una domanda che ci poniamo quasi tutti, per la maggior parte di noi superare i limiti, andare oltre l'abitudinario è considerato qualcosa di stravagante, di sbagliato, ma se invece in questo modo uscirebbe fuori il vero IO? 
"Viola di notte" è un romanzo che a mio parere una volta iniziato diventa una storia personale, la storia di ognuno di noi, durante la lettura infatti ho messo un pezzetto di me nel personaggio di Mattia,  Mattia siamo tutti noi, con la paura di osare ma con il bisogno di liberarci da questa gabbia di perfezione che ci costruiamo intorno, una gabbia che ci impedisce di essere noi stessi, ed è proprio quando siamo sul punto di crisi totale che c'è Viola e il suo diario fatto di parole, di consigli di vita che piano piano ci portano alla salvezza.
Un romanzo che in poche pagine riesce ad emozionare e sopratutto fa riflettere sulla propria vita...un romanzo di vita, e i romanzi come questo credo siano i migliori perché ci insegnano a conoscerci meglio.
LEGGETELO!

ANNALISA

venerdì 24 maggio 2019

Recensione - "Ogni piccola cosa interrotta" di Silvia Celani per Garzanti

TITOLO: Ogni piccola cosa interrotta
AUTORE: Silvia Celani
EDITORE: Garzanti
PREZZO: € 16,90
EBOOK: € 9,99


Sono le nostre imperfezioni a renderci più forti. Sono loro a tracciare la strada delle nostre cose interrotte.
«L’amore che ognuno di noi riceve ha la stessa funzione delle stelle per i navigatori. Ci indica la rotta. Rimane in fondo alle nostre tasche, così, ogni volta che lo desideriamo, ogni volta che ne sentiamo la necessità, possiamo accertarci che sia sempre lì affondandovi una mano.»
Mi chiamo Vittoria e la mia vita è perfetta.
Ho una grande casa e tanti amici. Non mi interessa se mia madre si comporta come se io non esistessi. Se mio padre è morto quando ero piccola. Se non ricordo nulla della mia infanzia. Se, anche circondata da persone e parole, sono in realtà sola.
Io indosso ogni giorno la mia maschera, Vittoria la brava figlia, la brava amica, la brava studentessa. Io non dico mai di no a nessuno. Per me va benissimo così.
È questo senso di apnea l’unica cosa che mi infastidisce. Quando mi succede, quello che ho intorno diventa come estraneo, sconosciuto. Ma è solo una fase. Niente potrebbe andare storto nel mio mondo così impeccabile.
Ero convinta che fosse davvero tutto così perfetto. Fino al giorno in cui ho ritrovato i pezzi di un vecchio carillon di ceramica. Non so cosa sia. Non so da dove provenga. Non so perché mi faccia sentire un po’ spezzata e interrotta, come lui. Ma so che, da quando ho provato a riassemblarlo, sono affiorati ricordi di me bambina. Della voce di mio padre che mi rassicura mentre mi canta una ninnananna. Momenti che avevo sepolto nel cuore perché, come quel vecchio carillon, all’improvviso si erano spezzati per sempre.
Eppure ora ho capito che è l’imperfezione a rendere felici. Perché le cose rotte si possono aggiustare e diventare ancora più preziose.


LA MIA RECENSIONE

"Ogni piccola cosa interrotta" è uno dei romanzi più emozionanti che ho letto, in questo periodo ho letto tanti libri belli che porterò dentro al cuore,  ma questo è diverso, mi ha trasmesso qualcosa in più, emozioni uniche, emozioni che mi hanno segnata e toccata nel profondo.

Vittoria è una ragazza di venti anni, la sua vita può sembrare perfetta, una casa meravigliosa, una famiglia illustre, non le manca nulla, ma in realtà ciò è l'apparenza perché Vittoria è rotta, rotta dentro, è imperfetta, un passato che la tormenta e che con il tempo si è impossessato di lei sotto forma di "attacchi di panico", si sente spacciata fino al giorno in cui trova un vecchio carillon rotto e incontra una persona speciale, Ion.

La storia di Vittoria è di una bellezza unica, una storia piena di emozioni che travolgono, che coinvolgono al punto tale da sentirsi parte della sua storia, è uno di quei libri che quando lo si legge è impossibile poi uscirne fuori, il mondo esterno non esiste, esiste solo Vittoria e la sua storia, una storia che ho amato dalla prima all' ultima pagina.
Le emozioni che ho provato durante la lettura sono state un crescendo e credetemi avrei voluto che non finisse più,quando un libro riesce a farti provare ciò non sei mai pronto a lasciarlo, a lasciare i personaggi, ad arrivare alla fine...ma la fine arriva e l'unica cosa che puoi fare è custodire tali emozioni nel cuore.

Mi sono sentita molto vicina a Vittoria, ho compreso i suoi attacchi di panico, le sue paure, la sua fragilità, vista come un qualcosa da nascondere per paura di essere considerati pazzi, gli attacchi di panico oggi sono molto comuni, anche io ci ho convissuto per un certo periodo, inizialmente non ci si spiega il perché di quegli attacchi, caratterizzati da mancanza di respiro, accelerazione del battito cardiaco, paura della folla, paura di tutto, ma poi pian piano ci si rende conto di ciò che li scaturisce, possono essere i motivi più semplici e disparati al mondo e questo sta a significare quanto siamo fragili, quanto possiamo romperci facilmente.

"Ogni piccola cosa interrotta" insegna ad amare, accettare le proprie imperfezioni, le proprie rotture, una vita perfetta non esiste, solo queste imperfezioni ci rendono belli ed unici, l'autrice fa un paragone molto bello, parla della tecnica del "Kintsugi", in Giappone quando qualcosa si rompe è solito aggiustarla mettendo insieme i cocci con colla mescolata con polvere dorata, alla fine l'oggetto rotto risulta riparato ma sono evidenti crepe dorate, e ciò rende quell'oggetto più prezioso, così accade con noi, tutte le fratture, una volta ricucite ci rendono migliori, più belli, rari.
"Attraverso il Kintsugi, l'oggetto danneggiato accetta e riconosce le proprie fragilità e paradossalmente diventa più forte, più bello e anche più prezioso di prima."

Un romanzo che dovete leggere assolutamente, vi trasmetterà forte emozioni, la storia diventa sempre più intensa e ricca di sorprese andando verso la fine, e vi garantisco che il finale vi farà commuovere. Per me è stato un libro bellissimo, un capolavoro che porterò sempre con me, custodito nel cuore...e grazie all'autrice Silvia Celani per aver scritto una storia così potente ed averla condivisa con noi lettori.

ANNALISA