venerdì 21 settembre 2018

Novità - "Silenzi del passato" di Martina Laniero

Ciao lettori, oggi voglio segnalarvi il romanzo di una scrittrice emergente che a me ha incuriosito tanto, non solo la copertina che è bellissima, ma anche la trama, credo che si tratta di una storia intensa di emozioni, dove amore e dolore sono protagonisti, una storia che parla anche del coraggio di lasciare tutto e andare lontano per cercare di dimenticare...e noi queste storie piacciono parecchio...ora vi do qualche informazione sul romanzo.



TITOLO: Silenzi del passato
AUTORE: Martina Laniero
EDITORE: Letteratura Alternativa
LINK D'ACQUISTO: AMAZON

"Ero dentro una gigantesca bolla, e un attimo dopo era buio totale, la bolla cominciava a restringersi sempre di più e cominciava a mancarmi l'aria..."


Lola è una semplice ragazza di 19 anni che cerca di rincorrere il suo futuro e di dimenticare come meglio può il suo passato. Scappa dai suoi incubi, si rifugia nei suoi sogni, lontano dalle paure. Chiude a doppia mandata le emozioni nel suo cuore, senza mostrarsi al mondo nella sua vera essenza. Le è stata negata l’infanzia e la vita l’ha costretta a crescere troppo in fretta. Costretta a fuggire, abbandona il suo paese nativo e inizia una nuova esistenza in America. In questo cambiamento radicale dovrà affrontare diversi ostacoli e i fantasmi del passato emergeranno sempre più vividi. Come in ogni ciclo vitale dovrà tentare di ricostruirsi attraverso la sofferenza e le variabili che la vita stessa impone. Anche il suo cuore, gelido fino a quel momento, si riattiverà quando Trent Lendon entrerà prepotentemente nella sua vita e la sconvolgerà irrimediabilmente: un ragazzo affascinante e arrogante, con una personalità forte e un passato apparentemente sereno. Lola, da quel momento, non sarà più la stessa.
Riuscirà a salvarsi? Riuscirà a vincere la sua guerra personale? Rinascerà? O verrà annientata, ancora una volta, da un destino crudele?


"E no, lui non era bello da morire, lui era bello da vivere, da stringere, da baciare, da amare ma soprattutto da non lasciarlo andare." 

Nessun commento:

Posta un commento