giovedì 18 gennaio 2018

Recensione - La felicità domestica di Lev Tolstoj per Fazi Editore

TITOLO: La felicità domestica
AUTORE: Lev Tolstoj
EDITORE: Fazi
PREZZO: € 9,00
PAGINE: 111
USCITA: 18 gennaio 2018


Rimasta orfana a diciassette anni, Mascia vive con Sonia, la sorella minore, e Katia, la governante. L’inverno è lungo e cupo, nella campagna russa: le finestre gelate, le stanze vuote, le persone silenziose. Finché a portare un po’ di luce arriva lui, Serghièi Mikhàilovic, un vecchio amico di famiglia: aveva lasciato una bambina e ritrova una giovane donna avvenente. Dopo un corteggiamento fatto di bisbigli, mezze confessioni e impacciati camuffamenti, Mascia e Serghièi si sposano, lei più che mai convinta che i vent’anni di differenza non intaccheranno il loro amore, lui, dall’alto della sua età, ben più dubbioso eppure disposto a illudersi. Ma come l’innamoramento, anche la consunzione del rapporto è una cronaca annunciata. Ben presto la ragazza scoprirà che la vita coniugale e i propri sentimenti nei confronti del marito sono molto più complessi di quanto immaginasse e hanno poco a che fare con le nozioni di vita matrimoniale che aveva appreso da bambina.
Con grande finezza e attraverso uno sguardo molto moderno, il romanzo racconta le incomprensioni, le incrinature sempre più profonde nei rapporti coniugali e il loro sfociare nel distacco e nell’indifferenza reciproca. Scritto nel 1859 da un Tolstoj trentaduenne che in queste pagine adotta per la prima volta il punto di vista della donna, La felicità domestica segna una tappa importante per la nascita della consapevolezza femminile in Europa. 

Ciao a tutti lettori cari, esce oggi per la Casa Editrice Fazi questo meraviglioso romanzo, "la felicità domestica" di Lev Tolstoj.
Partiamo dalla copertina del romanzo...è semplicemente meravigliosa, un'opera d'arte, in realtà le copertine che la Fazi assegna ai suoi romanzi sono tutte spettacolari ma questa ha un tocco in più, qualcosa di antico, vittoriano, e io amo quello stile, per non parlare dei colori e di tutti quei fiori raffigurati dietro la donna seduta...bellissimi, danno quel tocco di unicità alla copertina. 
"La felicità domestica" narra la storia di Mascia, un ragazza che a diciassette anni rimane orfana, la storia d'amore tra lei ed un uomo di età maggiore rispetto alla sua, tra i due infatti c'è una differenza d'età di circa venti anni. Il romanzo parla dell'inizio della loro relazione, dell'innamoramento dei due, analizzando poi la loro vita "domestica", i problemi che ne derivano dopo il matrimonio. 
Il romanzo mi è piaciuto molto, Lev Tolstoj ha un modo di narrazione unico, in alcuni punti ho avuto la sensazione di leggere una poesia, ho amato il modo in cui sono descritti i luoghi e i sentimenti dei personaggi, i loro stati d'animo, le loro emozioni, sembra di vedere e di vivere tutto in prima persona, durante la lettura infatti ho immaginato tutto partendo dalla descrizione di un luogo all'espressione assunta da uno dei personaggi.
Un classico che deve essere assolutamente letto perché è davvero qualcosa di meraviglioso. In sole 111 pagine Lev Tolstoj è riuscito a farmi vivere un viaggio indietro nel tempo vivendo anche problematiche molto attuali, come le problematiche che possono derivare da un matrimonio.
Consigliatissimo per chi ama i classici e anche per chi non è solito leggerli.


Nessun commento:

Posta un commento