venerdì 30 ottobre 2015

Domino di ottobre-Recensione Una famiglia quasi perfetta


Per questo Domino letterario di ottobre ho scelto “L’amore è uno sbaglio straordinario” di Daniela Volontè.Con Il domino letterario ogni bookblogger deve recensire un libro che si collega a quello recensito dal bookblogger precedente.

Di seguito l'elenco dei blog partecipanti:
le recensioni della libraia
devilishlystylish
lettere di inchiostro
questione di libri
ladra di libri
leggendo romance
parliamo di libri
parole al vento
come non sentirsi soli
il nostro angolo dei sogni
l' acquerello di un attimo


Ho deciso di recensire "Una famiglia quasi perfetta" di Jane Shemilt collegandomi al libro scelto da Maria "Credimi stò mentendo" di Mary Elizabeth Summer. Ho fatto questa scelta perchè entrambi i libri sono thriller e sono della Newton.


RECENSIONE

"Una famiglia quasi perfetta" è il primo thriller che ho letto, mi è stato consigliato da Sara, blogger di "Parliamo di libri", ero un po scettica nell'intraprendere la lettura di un genere diverso ma devo dire che mi sono appassionata al thriller.
"Una famiglia quasi perfetta" è un libro stupendo che tiene il lettore incollato alle pagine dall'inizio alla fine, per non parlare dei colpi di scena. Parla della scomparsa improvvisa di Naomi, e del dolore che prova la sua famiglia per l'accaduto. Jenny, la madre è una donna piena di coraggio e non si arrende nelle ricerche della figlia, una madre addolorata che non riesce a superare il dolore della perdita. Tra i vari personaggi ho amato Jenny, una donna forte che lotta per chi ama, ma ho odiato Naomi, una ragazzina viziata dagli atteggiamenti di super donna, diciamo che durante la lettura del libro ho pensato "beh Naomi se l'è meritato". "Una famiglia quasi perfetta" è un libro scorrevole, non è pesante e ho apprezzato la divisione dei capitoli in due periodi temporali diversi, infatti la storia è raccontata sia nel periodo della scomparsa e sia dopo la scomparsa.
Un romanzo che consiglio di leggere. 

TRAMA
Jenny è un medico, sposata con un famoso neurochirurgo e madre di tre adolescenti. Ma quando la figlia quindicenne, Naomi, non fa ritorno a casa dopo scuola, la vita perfetta che Jenny credeva di essersi costruita va in pezzi. Le autorità lanciano l'allarme e parte una campagna nazionale per cercare la ragazza, ma senza successo: Naomi è scomparsa nel nulla e la famiglia è distrutta. I mesi passano e le ipotesi peggiori, rapimento, omicidio, diventano sempre più plausibili, ma in mancanza di indizi significativi l'attenzione sul caso si affievolisce. Jenny però non si arrende. A un anno dalla sparizione della figlia, sta ancora cercando la verità, anche se ogni rivelazione, ogni tassello sembra allontanarla dalle certezze che aveva. Presto capisce che le persone di cui si fidava nascondono terribili segreti, Naomi per prima. Seguendo le flebili tracce che la ragazza ha lasciato dietro di sé, Jenny si accorgerà che sua figlia è molto diversa dalla ragazza che pensava di aver cresciuto...

4 commenti:

  1. Non sembra il mio genere purtroppo! Però, bella recensione breve e precisa! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Ale, di solito non mi dilungo sulle recensioni, preferisco fare una recensione con poche parole che fanno capire cosa ho pensato del libro.

      Elimina
  2. Ciao! :) Sono curiosa. Dici che di solito non leggi thriller. E allora qual è il tuo genere..? Recensione breve e piacevole comunque. Io invece thriller ecc li adoro ^^ ps: non odiarmi, lo faccio come premura, non per rompere le palle.. Nel post hai scritto "domino letterario di...agosto".. Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I generi che prediligo sono le storie romantiche e i fantasy ma ora ho aggiunto anche i thriller alla lista :) grazie per avermi fatto notare l'errore :P

      Elimina